Carasòri a mari

A carasòri, a vólthi,
candu s’annéura l’ònda,
d’imprubisu si fiònda
fra li vaganti nui
lu ciarori d’un lampu,
quasi un raffiu di luzi,
un’idèa di sòri
chi s’isciara in mari.

A carasòri, a vólthi,
candu l’ammèntu è lènu,
d’imprubisu s’aggruma
fra li vaganti néuri
un pinsamèntu léviu,
fòrsi un raffiu d’amòri,
un arènu di córi
chi si daga a lu vèntu…

Chi ni sarà, chi ni sarà
di te, di la to’ vidda?

Anda l’onda di lu témpu
i’ l’ari di zéra di l’ammèntu.

Crepuscolo al mare

Nel crepuscolo, a volte,
quando si offusca l’onda,
d’improvviso si staglia
fra le vaganti nubi
il chiarore di un lampo,
quasi un graffio di luce,
un’idea di sole
che si frantuma in mare.

Nel crepuscolo, a volte,
quando langue il ricordo,
si raggruma improvviso
fra le vaganti nebbie
un pensiero lieve,
forse un graffio d’amore,
un soffio di cuore
che s’abbandona al vento…

Che ne sarà, che ne sarà
di te, della tua vita?

Va l’onda del tempo
sulle ali di cera del ricordo.