Cu la mènti a bazinédda

Vizinu a me, cumènti dugna séra
addananzi a la véccia ziminèa,
ti n’isthai cun d’un fa pinsamentósu,
la faccia isthracca di la dì chi fini.
Ti cunnòsciu, ti sentu prinitósa:
po’ assè chi di me tu ti ripòsi
punèndi mènti forsi a cosi andaddi…
E ca lu sa! Ca sa si soggu ancóra
lu primu intèntu di li tói suipiri
o s’annìdi rimpianti di cammini
divèssi da li tanti fatti umpari
– a vólth’ischuri ciari abà da l’anni –
da umbè di tèmpu sempri li matèssi
tantu chi no li còntu né l’ammèntu.
No sai cantu vuristhia chi pinséssi
umpari a me ad althri anni luntani:
m’ésciariani di cabbu pinsamènti
e dubbi chi mi caipini lu córi…
Curaggiu pigliarìa pa raccuntati
di me, di la mea mènti a bazinédda
chi s’affanna a chisthu puntu di la vidda
pa fimmà un’intinziòni di puisia
e ischribì ancora lu be’ chi ti ni vógliu.

Con la mente in confusione

Accanto a me, così come ogni sera
davanti al vecchio focolare,
te ne stai con fare pensieroso,
il viso stanco del giorno che finisce.
Ti conosco, ti sento distaccata:
può darsi che è da me che ti riposi
inseguendo forse cose del passato…
Chi lo sa! Chissà se sono ancora
il fine primo dei sospiri tuoi
o se annidi rimpianti di sentieri
diversi dai tanti fatti insieme
– a volte scuri ora chiari dagli anni –
da moltissimo tempo sempre uguali
tanto che non li conto né ricordo.
Non sai quanto vorrei che tu pensassi
insieme a me ad altri anni lontani:
mi volerebbero i pensieri dalla testa
e i dubbi che scalfiscono il mio cuore…
Coraggio prenderei per raccontarti
di me, della mia mente in confusione
che si affanna a questo punto della vita
per fermare un’intenzione di poesia
e ancora scrivere il bene che ti voglio.