Cun l’ócci ciari ammèntami e pizzinnu:
eu cussì era la dì chi ti vidési
tuttaunóra innamurèndimi di te.

Ammèntaddi li basgi a còri mancu
i’ li tènnari nósthri primmi séri,
li carigni ansimanti ni li nótti
inciarinaddi di luna e di passiòni.

La vidda, a vólthi, no è tutta in faradda,
i’ l’azzaddi lu tèmpu è rudduraddu,
ma lu primmu pinsamèntu sèmpri séi
dugna mamèntu chi pai me rimani.

No immintigammi mai si m’alluntanu
avvinturèndimi i’ l’ulthimu méu vòru;
ammèntami giòbanu e ócci ciaru:
no abbaiddà lu véru di chisth’ócci
chi sìghini rimpianti sènza fini.

Con gli occhi chiari ricordami

Con gli occhi chiari ricordami e ragazzo:
così com’ero il giorno che ti vidi
innamorandomi di te improvvisamente.

Ricordati i baci a batticuore
nelle tenere nostre prime sere,
le carezze ansimanti nelle notti
ubriache di luna e di passione.

La vita, a volte, non è tutta in discesa,
nelle salite il tempo è rotolato,
ma il primo pensiero sempre sei
ogni momento che per me rimane.

Non scordarmi mai se m’allontano
avventurandomi nell’ultimo mio volo;
ricordami giovane e occhi chiari:
non guardare il velo di questi occhi
che inseguono rimpianti senza fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.