E aiséttu nótti

No ciamba la dì d’oggi,
è paru paru all’althri…
Una lavadda, una pittinadda,
un’ucciadda a la “Nóba
pa vidè ca ha finiddu li dì sói:
isthravaganza
di ca è prontu a punì fattu.
Poi a lu balchoni a figgiurà curori:
li rui di lu saimmèntu,
lu blu di la marina,
lu grogu di la rèna,
lu grigiu ischuru di lu méu pinsà.
Di cussì aiséttu séra e aiséttu nótti.
Allóra sì chi lu bugiu mi si pièna
di tutti li curori di la dì
chi m’aggiu tentu a menti
e inchumenzu a pintà l’archu di zéru;
ad eddu poi in voru m’aunu
a figgiurà lu mondu
chi s’affanna,
s’ischanna,
chi si danna;
soggu cussì già prontu
– sarà candu sarà –
a rividè – ca sa – un mondu
chi si fini da sé, tontu cum’è.

E aspetto notte

Non cambia questo giorno,
è proprio uguale agli altri…
Una sciacquata, una pettinata,
uno sguardo alla “Nuova
per vedere chi ha finito i giorni suoi:
bizzarria
di chi è pronto a stargli dietro.
Poi alla finestra a contemplar colori:
i rossi del sarmento,
l’azzurro cupo del mare,
l’ocra della sabbia,
il grigio scuro dei pensieri miei.
Così aspetto sera e aspetto notte.
Allora sì che il buio mi si riempie
di tutti i toni chiari del giorno
che ho trattenuto in mente
e incomincio a pitturar l’arcobaleno;
poi lo raggiungo in volo
ad osservare il mondo
che si affanna,
si scanna,
che si danna;
sono così già pronto
– sarà quando sarà –
a riveder – chissà – un mondo
che si uccide da sé, scemo com’è.