I’ lu tramòntu

I’ lu tramòntu,
candu una luna pallida
fazi da ipicciu a la séra di la vidda
e l’òmbri aiséttani a la cua
chi si caimmia di li méi trimutti
lu prinéttu,
dubbiósa cumenti l’ipiranzia
la prima isthèlla mi cònta
di lu mòndu luntanu undi tu sei.
Tempu n’è passaddu… anni:
n’aggiu assai più di canti tu n’abéssia
candu ti n’andesi. Puru pai me
la dì di l’abbandònu s’avvizzina,
ma prima chi la nótti si raggrumia
nòtaraggiu la méa barcha a l’infiniddu;
affòndaraggiu tutti li mèi fasthi,
li trimutti, l’ammènti e li furriani
acchì lu méu sia un chiétu navigà.
Sarà fèimmu lu tèmpu:
sóru un suipiru tóiu
m’impignarà i’ l’ipiaggia di l’appròdu.
“Mamma!”,
un suru sarà lu méu isciddati
acchì rincòntri lu primu méu surrisu
chi pai te fusi, pai te sóru fusi.

Nel tramonto

Nel tramonto,
quando una luna pallida
fa da specchio alla sera della vita
e le ombre attendono nascoste
che si plachi delle mie inquietudini
l’assillo,
incerta come la speranza
la prima stella mi parla
del mondo lontano dove sei.
Tempo n’è passato… anni:
ne ho assai di più di quanti tu ne avessi
quando andasti via. Anche per me
s’avvicina il dì dell’abbandono,
ma prima che la notte si rapprenda
orienterò la mia barca all’infinito;
affonderò tutte le mie colpe,
le ansie, i ricordi e le tempeste
affinché il mio sia un quieto navigare.
Sarà immobile il tempo:
soltanto un tuo sospiro
mi spingerà nella spiaggia dell’approdo.
“Mamma!”,
un soffio sarà il mio risvegliarti
perché rincontri il primo mio sorriso
che fu per te, che fu per te soltanto.