L’atugnu inde noi

Tébiu è ‘nde noi l’atugnu
da l’aggrumàddi nui,
da li pàmpini rui.
Lu suipirósu atugnu
tigni a marincunia
lu chi crédi alligria.

Acchì da noi l’atugnu
ha di l’isthrani appènti:
ripiglia vaghi ammènti
fèndiddi rividì
frammènti d’althri dì;
tu ti priguntarai
si l’ai vividdi mai.

Li vivì po’ assè a séra
– éra di primabéra –
vaghèndi cu’ li rundini
in tramònti di ramini,
e ti punï a pignì
chèna sabé parchì.

Era lu vagu sintòri
chi finiddi sarìani li curori
di li nosthri fòri;
abà, i’ lu nosthru atugnu,
ombri e ciaròri
c’aisettani la nèvi,
ipaglini i’ la mènti,
a tinti lèvi,
lu tempu di l’ammènti.

L’autunno da noi

È mite da noi l’autunno
dalle aggrumate nubi,
dai pampini rossi.
Il sospiroso autunno
tinge di malinconia
quel che credi allegria.

Perché da noi l’autunno
ha degli strani svaghi:
riprende ricordi vaghi
facendoti rivedere
frammenti d’altri giorni;
tu ti chiederai
se li hai vissuti mai.

Li vivevi forse a sera
– era di primavera –
vagando con le rondini
in tramonti di rame,
e ti mettevi a piangere
senza saper perché.

Era il vago sentore
che finiti sarebbero i colori
delle nostre favole;
ora, nel nostro autunno,
chiaroscuri
che aspettano la neve,
spandono nella mente,
a tinte lievi,
il tempo dei ricordi.