Lu riu di li sonnii

Amantiósa e lizzèra mi ninnaba mamma,
e mi ciamaba fiori,
e mi ciamaba amori.
Annèuraddu d’ipantu affundab’eu la mènti
i’ lu riu di li sonnii.

Fra pabanzori e pampini,
cu’ fiori di lu cardhu pinti vaghèndi lèvii,
barchetti di pabiru dundurèndisi i’ l’èba
e abi inciarinaddi di zuccaru e di méri,
a brinchi e pasamenti
lu riu lèntu ‘schurria.

Addaboi s’ipaglìa candu arribìa ad u’ mari
di bianchi magariddi
da lu cór’in curori di lu sori,
sott’a iprazzi di zéru
a sobra li zuffi d’aiburi;
chèna un isthrazzu cassisia di nui.

Isthracca e prinittósa mi ninnaba mamma.
Era sonniu… O er’avvéru?
Po’ assé, tant’anni fa. Sèccu è lu riu da umbè:
acchì lu sonniu è commedia,
e la vidda è la chi è.

Il fiume dei sogni

Leggera e innamorata mi cullava mamma,
e mi chiamava fiore,
e mi chiamava amore.
Con nebbioso stupore tuffavo la mente
nel fiume dei sogni.

Fra pabanzori 1 e pampini,
con lievi vaganti fiori del cardo colorati,
barchette di carta dondolanti nell’acqua
e api ubriache di zucchero e di miele,
con salti e soste quiete
scorreva il fiume lento.

Poi si spandeva quando arrivava a un mare
di bianche margherite
dal cuore colorato di sole,
sotto sprazzi di cielo
sopra le ciocche d’alberi;
privo di qualsiasi lembo di nuvole.

Stanca e pensierosa mi cullava mamma.
Era sogno… O realtà?
Forse, molti anni fa. Da tanto il fiume è asciutto:
perché il sogno è una commedia,
e la vita è quella ch’è.


  1. Pabanzoru: tarassaco.