Lu saòri di la séra

A lu vurè di Déu
passu ind’un óru l’óri
a abbà un dóru in fiòri
chi è sóru méu,
chi mi ripira l’aria.

No v’è più gana
di puisia e di sòni:
a mènti sana
pudi’abé, po’ assè,
li méi mamènti
pa’ li sintimènti;
éra lu poggu ch’éra
ed éru lu chi éru
e chèna dubbi in córi.

Ma abarabà, ca sa!
È luntana la mènti…
E ca li pinsamènti?

Vuraria chi chisth’óru
fussia a sòri:
no a la séra,
chi ha lu saòri
di la dì chi móri.

Poi da li sònni in vòru
andèndi ca sa undì,
vuristhia fammi di’
cantu di véru v’éra
e cantu d’illusiòni.

Il sapore della sera

Al volere di Dio
passo in un angolo le ore
a irrigare un male in fiore
ch’è solo mio,
che mi respira l’aria.

Non c’è più voglia
di poesia e di suoni:
a mente sana
potevo avere, forse,
i miei momenti
per le mie emozioni;
era quel poco ch’era
ed ero quel che ero
e senza dubbi in cuore.

Ma oramai, chissà!
È lontana la mente…
Quali i pensieri?

Quest’angolo vorrei che
fosse al sole:
non alla sera,
che ha il sapore
del giorno che muore.

Poi dai sogni in volo
che vanno chissà dove,
vorrei farmi dire
quanto di vero c’era
e quanto d’illusioni.