…po’ assé ch’éu t’aggiu sunniadda
propiu i’ la notti d’ariman’a notti.
O… a vidé ch’éu t’abìa pinsadda
a mezzu di l’ammènti chi so’ a fiotti,
girènd’in tondu chèna pasamènti
in chisthu foggu ch’è lu cabu méiu.

Ti séi misciadda ni’ li pinsamènti
o ti se’aunidda, dillu, a chissu sonniu?
No pudaristhi cridì, ma lu fatt’è:
mi parìa chi lu tempu s’ér’arréssu
a la dì primma chi tu lassés’a me
e chi addaboi nudda éra suzzéssu.

Cand’aggiu ripigliaddu sintimèntu,
un’isthrinta di chisthu vécciu cori
m’ha siriàddu chi la vidda, che vèntu,
da umbè di tempu furésimi l’amori:
ma chissa chi m’aggiu immaginadda
i’ lu miraggiu, bèdda che puisìa,
prizzis’a te candu ti n’éri andadda,
pudisth’assè tu còmu ti vidìa
a lu tèmpu di li dì pizzinni,
chi macchi d’amori eram’in dui.

…po’ assé puru chi, chèn’abbizamminni,
soggu vuraddu a te, sobra li nùi.

Il sogno di ieri notte

…forse ti ho sognata
proprio nella notte d’ieri notte.
Oppure… forse ti ho pensata
fra i numerosi ricordi
che ruotano senza trovar pace
nella mia testa come fossero fiamma.

Ti sei legata ai pensieri
o, dimmi, ti sei unita a quel sogno?
Non lo crederesti, ma è così:
mi pareva che il tempo fosse fermo
a prima del giorno in cui mi lasciasti
e che niente fosse accaduto.

Quando ho ripreso sentimento,
una fitta di questo vecchio cuore
mi ha ricordato che la vita, come vento,
da tanto tempo mi portò via l’amore:
ma quella che ho immaginata
nel sogno, bella come poesia,
uguale a te quando te ne andasti,
potevi esser tu, a come ti vedevo
nei giorni giovani di noi
due pazzi d’amore.

…forse, senza rendermene conto,
son volato da te, sopra le nuvole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.