Mèngu di mari

Culthivu frutti di mari e li rigaru…
Cu la méa barcha da la véra bianca
tèndu la randa abà ch’è giunta séra
affundèndi e dèndi vóltha l’òndi azzurri
comu un assulchadòri cu’ la tèrra.
Si è luna bòna m’appròntu a siminà:
n’accógliu isthèlli da zéru e poi l’ipagliu
inciarèndi lu mèu campu trimuranti
di sèmini d’isthèlli che lu granu.
Che fògghi di lu mezzaòsthu
paimmi di prata crésciarani
da li dòzzi indattari di ròcca,
da rigarà a ca ha incucciaddu mari gròssu
affarrèndisi cun pòipi che muntagni,
cun draghi da li simbianti umani,
e abà aisétta lu chiétu e lu sirènu.
Cussì, cumènti in terra, paru paru!
Pa chissu vògliu assè mèngu di mari:
aggi’auddu lu digógliu e lu misthrari
affruntèndi a dènti isthrinti l’òndi,
affundèndi a mara gana li rimpianti.
Inde un gòzzu di résina di pièntu
abà navigu cu’ la méa sirèna;
m’incanta lu so’ cantu
e fazi sì, s’aggiu la mènti isthracca,
ch’eu no zi làmpia l’ulthimi illusiòni
chi mi résthani abà ch’è giunta séra:
li me’ isthèlli di mari.

Contadino del mare

Coltivo frutti di mare e li regalo…
Con la mia barca dalla vela bianca
tendo la randa ora ch’è giunta sera
affondando e rovesciando le onde azzurre
come un assolcatore con la terra.
Se è luna buona mi appresto a seminare:
raccolgo stelle dal cielo e poi le spargo
rischiarando il mio campo tremolante
di semi di stelle come il grano.
Come fuochi di ferragosto
palme d’argento cresceranno
dai dolci datteri di roccia,
da donare a chi ha incontrato il mare grosso
lottando con polipi giganti,
con draghi dalle sembianze umane,
ed ora attende il sereno e la quiete.
Così, allo stesso modo, come in terra.
Perciò del mare voglio esser contadino:
ho incontrato il maestrale e la tempesta
affrontando le onde a denti stretti,
affondando i rimpianti con fatica.
In un gozzo di resina di pianto
ora navigo con la mia sirena;
il suo canto m’incanta
e fa sì, se la mente ho stanca,
ch’io non getti le ultime illusioni
che mi restano ora ch’è giunta sera:
le mie stelle di mare.