No datti pinsamèntu, córi méu
si sèmmu sóri e a séra.
Erami in dui – t’ammènti? –
e, in régura cun Déu,
z’abèmmu piènu
la casa di figlióri.
Tutti be’: sani…
dugnunu a còntu sóiu…
No sei cuntènta?

È abà giunta l’óra di sunnià;
no dumandammi còsa:
tanchèmmu l’ócci
e chèna piglià sònnu
sunnièmmu magari di sunnià
lu primu basgiu.

…tu sei visthudda a fiòri
fra li giunchigli in fiòri;
lu vòru di li rundini
ipagli aria d’amòri
e a me manca l’arènu
quasi fin’a murì!

Vèdi: chèna drummì
si po’ puru sunnià
di lu ch’è isthaddu.
Chi ni sarà, da abà?

No datti pinsamèntu, córi méu
si sèmmu sóri
in chistha dì chi móri:
eram’in dui – t’ammènti? –

Abì un visthiri a fiòri…
lu vòru di li rundini…
Ma tu, no ti dà pèna
si a me manca l’arènu
quasi fin’a murì!

Noi due, a sera

Non darti pensiero, cuore mio
se siamo soli e a sera.
Stavamo in due – ricordi? –
e, in regola con Dio,
ci abbiam riempito
la casa di figli.
Tutti bene: sani…
ciascuno per suo conto…
Non sei contenta?

È adesso giunta l’ora di sognare;
non domandarmi cosa:
chiudiamo gli occhi
e senza prender sonno
sogniamo magari di sognare
il primo bacio.

…tu sei vestita a fiori
fra i narcisi in fiore;
il volo delle rondini
spande aria d’amore
e a me manca il respiro
quasi fino a morire.

Vedi: senza dormire
si può anche sognare
quel ch’è stato.
Che ne sarà, da ora?

Non darti pensiero, cuore mio
se siamo soli
in questo giorno che muore:
eravamo in due – ricordi –

Portavi un vestito a fiori…
il volo delle rondini…
Ma tu, non ti dar pena
se a me manca il respiro
quasi fino a morire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.