Notti di luna istrana

Vizièggiami cun carigni córi méu
in chista nòtti da la luna istrana
pièna di dòzzi méri e di prinétti…
Ivrasiami: azzèndimi d’amòri
fra l’arènu drummiddu di li fiòri
e lu cantu di grigliuri istunaddi
ma appassiunaddi guàsi da murinni;
mamènti vurarìstia attastà ancòra
di chista vidda méa chi s’alluntana…
E s’alluntana puru lu curaggiu,
pròpiu abà chi a la fini di lu mòndu
già mi ni sèntu accòstu, fiòri méu.

Sòggu di li tòi piènti e disincanti,
sòggu chi hai in mènti chi no ti pènsu più
avènd’eu in cabu chissu ciòdu fissu.
Cumprendimi e alluntana li prinétti
di lu ch’è istaddu, lu ch’è, lu chi sarà
e carignami umbè, fammi sirènu.
In chista nòtti da l’istrana luna,
fra canti di li grigliuri istunaddi
e suipiri drummiddi di li fiòri
pianèmmuzi di méri un finimòndu,
fèmmu chi sia una nòtti d’arimani
allumadda d’amòri da murinni.

Notte di luna strana

Viziami con carezze cuore mio
in questa notte dalla luna strana
colma di dolce miele e di pensieri…
Confondimi: accendimi d’amore
fra il respiro dei fiori addormentati
e la stonata melodia dei grilli
appassionati quasi da morirne;
momenti vorrei ancora assaporare
di questa vita mia che s’allontana…
Ed anche il coraggio si allontana,
proprio adesso che ai limiti del mondo
già mi sento vicino, fiore mio.

Io so dei pianti tuoi, dei disincanti,
so che pensi che non ti penso più
avendo io quel chiodo fisso nella testa.
Comprendimi e scaccia via i pensieri
di quel ch’era, quel ch’è, quel che sarà
e dammi tante carezze, fammi quieto.
In questa notte dalla strana luna
fra canti di stonati grilli
e sospiri di fiori addormentati
completamente colmiamoci di miele,
facciamo che sia notte di ieri
infiammata d’amore da morirne.