Poeta

Li parauri chi dugna dì zi dimmu,
li di tutti li dì,
chissi di sempri,
a volthi bioddi, a mamenti aresthi,
so’ li matessi
chi ti dizia una dì,
poeta pa’ te soru,
e ch’intindì, dizendi ch’era un deu.
L’assintaba a l’inventu a una a una,
e di rigaru ti mandaba fiori
di giunchigli e viori
di parauri
e frammenti di cori e di suipiri.
Cosa, chi n’è d’allora cori méu?
È la vidda chi z’ha pienu di firiddi
e ha infriddaddu la gana di puisia;
e li parauri si so’ posthi a paru
a li di dugna dì, chissi di tutti,
li matessi chi fazini a li volthi
murì di pientu,
murì di disiperu.
Ma candu veggu la marincunia
chi ti dumanda di lu parchì e pa’ cosa,
debi cridimmi, lu sa soru Deu
cantu vuraristhi’assé poeta,
soramenti pai te, cumenti allora.

Poeta

Le parole che ogni giorno ci diciamo,
quelle di tutti i giorni,
quelle di sempre,
a volte vuote, a momenti acerbe,
sono le stesse
che un giorno ti dicevo,
poeta per te solo,
e che ascoltavi, dicendo ch’ero un dio.
Le inventavo e assemblavo ad una ad una,
e per regalo ti mandavo fiori
di narcisi e viole
di parole
e frammenti di cuore e di sospiri.
Cosa, che n’è d’allora cuore mio?
È la vita che ci ha colmato di ferite
e ha raffreddato la voglia di poesia;
e le parole si son poste al pari
a quelle d’ogni giorno, quelle di tutti,
le stesse che alle volte fanno
morire di pianto,
morire di sconforto.
Ma quando vedo la malinconia
che ti chiede del perché e di come,
mi devi credere, lo sa soltanto Dio
quanto vorrei essere poeta,
solamente per te, come una volta