Puisia a la bona

La méa è una puisia a la bòna
cumènti lu pani fattu in casa.
No pènsu in mannu:
no n’aggiu gana né lu sòggu fa.
Pinsamènti sèmprizi li méi,
mari no fazini a nisciunu,
magari, a vólthi,
sóramenti a me.
Lu mondu lu vèggu
cun l’ócci di criaddura,
sempri lu matèssi
e chi no ciamba mai.
Passarà un vòru una dì o l’althra
– di cussì, di cussì soggu sarà –
ed a girà cuntinuarà lu mòndu
ed éu no vi saraggiu,
ma sighiraggiu a pinsà,
si pòdaraggiu pinsà,
chi lu mòndu è verdhi e blu
e beddu puru.
Cuntinuaraggiu a drummì
chèna siriammi chi lu méu pinsà
era piùbaru sunnianti di puisia
chi mi cuàba li brutturi
di chisthu mòndu d’oggi.
E ipirèmmu chi Déu
aggia piadai di me
e chissu piùbaru
mi lu dàssia sèmpri.

Poesia alla buona

La mia è una poesia alla buona
così come il pane fatto in casa.
Non penso in grande:
non ne ho voglia e neppure lo so fare.
Pensieri semplici i miei,
non fanno male a nessuno,
magari, a volte,
solamente a me.
Il mondo lo vedo
con gli occhi di un bambino,
sempre lo stesso
e che non cambia mai.
Passerà un volo un giorno o l’altro
– così, così so che sarà –
e il mondo continuerà a girare
ed io non ci sarò,
ma seguiterò a pensare,
se potrò pensare,
che il mondo è verde e blu
ed anche bello.
Seguiterò a dormire
senza avvedermi che il pensare mio
era polvere sognante di poesia
che mi celava le brutture
di questo mondo d’oggi.
E speriamo che Dio
abbia pietà di me
e quella polvere
me la lasci sempre.