Tiritéra

Anima méa criaddura
di fòri e tirighètti,
marrócuri e sunètti,
di murighèssi arésthi,
di sònni ad ócci abérthi.

Anima méa grambiòna
d’amòri attuntunadda,
la mènti attambainadda,
chi sussa, chi batóstha
par una jattamórtha!

Anima méa avviridda
caipidda da duròri
da insanghinà lu córi,
firiddi arriniggaddi,
piagaddi, mai sanaddi.

Anima méa maradda
carradda a l’ipidari
p’assussigà lu mari,
in candidi linzóri
maròri e maramòri.

Anima… (di ca?) véccia,
marróccuri… l’amori…
tirighetti… durori…
È a la maccia la mènti
cu’ li sói pinsamènti.

Anima méa già in vòru
cun rimpiantu, pa’ cantu…
Signòri Sènza Témpu:
la vidda di vibì
vurì fùssia cussì?

Tiritera

Anima mia bambina
di salamandre e fiabe,
di trottole e organetti,
di more selvarecce,
di sogni ad occhi aperti.

Anima mia babbiona
d’amore rintronata,
la mente istupidita,
che pesta, che batosta
per una gattamorta!

Anima mia avvilita
segnata da dolori
da insanguinare il cuore,
ferite esacerbate,
piagate, mai sanate.

Anima mia malata
portata all’ospedale
per ammansire il male,
in candide lenzuola
malori e malumori.

Anima… (di chi?) vecchia,
di trottole… gli amori…
lucertole… dolori…
È alla macchia la mente
con le sue riflessioni.

Anima mia già in volo
con rimpianto, per quanto…
Signore Senza Tempo:
il vivere la vita
volevi così fosse?