No timì, fiòri méu, si tòrra invèrru:
muntagni arésthi abèmmu ischumpassaddu
raddini e isthrani, di li vólthi uschuri;
cu li vènti lamentósi di maisthrari,
cu li vaghi mamènti di sirènu.

«È vanu, ti dizia, lu nósthru viaggiu:
a còsa sévvi andà incòntru a li furriani
pa’ zirchà un fini chi còsa sia no sai?»
Tu c’un surrisu m’isthrignì la manu
e mi parìa l’azzadda assai più lévia.

Ni so’ passaddi d’anni e d’isthasgiòni:
una luzi d’atugnu abà z’ippiza,
luzi tènnara, ciara e tantu dòzzi
candu ischumpari a chìntari lu sòri.

L’allégru ciacciarà di li criadduri
i’ l’aglióri di ròsi di la casa
zi cònta chi i’ la vidda nudda è vanu,
chi tuttu lu ch’è isthaddu era già ischrittu
e ad intindìllu appaza in noi lu córi.

No abé timòri si torrani li nui,
eu saraggiu da abà a datti curaggiu;
vedarai: passarà chisth’althru invèrru
acchì umpari sarà sèmpri sirènu.
Nàscini firi d’eiba i’ li muntagni…

Un altro inverno

Non temere, fiore mio, se torna inverno:
aspri monti abbiamo attraversato
impervi e strani, delle volte oscuri;
con i venti lamentosi del maestrale,
con i vaghi momenti di sereno.

«È vano, ti dicevo, il nostro viaggio:
a che serve andare incontro alle tempeste
per ricercare un fine che non sai?»
Con un sorriso tu stringevi la mia mano
e mi sembrava assai più lieve la salita.

Ne son passati di anni e di stagioni:
una luce d’autunno ora ci sfiora,
luce tenera, chiara e tanto dolce
quando scompare il sole all’orizzonte.

L’allegro chiacchiericcio dei bambini
nelle aiuole di rose della casa
ci dice che nella vita nulla è vano,
che tutto quel ch’è stato era già scritto
e al sentirlo in noi s’appaga il cuore.

Non temere se tornano le nuvole,
adesso sarò io a darti coraggio;
vedrai: passerà questo altro inverno
perché insieme sarà sempre sereno.
Fili d’erba spuntano sui monti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.