Néippuri e puisia

Li vèrsi chi m’affòllani la mènti
so’ tanti ma piatti che li néippuri
chi dassani rusari d’óssi in bòcca
e a fini di la fini un dòzzi niènti.

Vurìstia divintà véru pòeta
ed invintà puisì di l’altru mòndu,
a li nuari lialli una par una
e mandàlli luntanu, ni la luna.

Pai te sarìstiani, méa girósa istrèa
cussì tu, acciaradda a lu balcòni,
t’ivvrasiàristi a prub’agattàlli
fra li méi nuari e la scia di li “low cost”.

Si un dubbiu ti nascìssia ni la mènti
vidèndi l’ócci mèi ivvagaddi e assènti
no abé timòri: éu sòggu fra li nui
cun te, cun tanta néippura e puisia.

Nespole e poesia

I versi che mi affollano la mente
son tanti ma scialbi come nespole
che lasciano rosari d’ossi in bocca
e a fine della fine un dolce niente.

Diventare vorrei vero poeta
e inventare poesie dell’altro mondo,
alle nubi legarle ad una ad una
e mandarle lontano, sulla luna.

Per te sarebbero, mia gelosa strega
così tu, affacciata alla finestra,
ti distrarresti tentando di trovarle
fra le mie nuvole e la scia dei low cost.

Se un dubbio ti nascesse nella mente
vedendo gli occhi miei svagati e assenti
non preoccuparti: io sono fra le nuvole
con te, con tante nespole e poesie.