L’Anima

V’è dischussiòni pa’ riguardhu a l’Anima:
s’isisthi oppuru no.
Cunvinti munsignori d’eba santa
sighiddi da scinziaddi e prufissori,
si pèrdhini in un mari di fabéddi.
Vi so’ chissi chi l’hani già pisadda:
“Tre grammi appèna!”;
althri, siguri ch’è una fòra:
“Chissu pésu è sudori di la morthi!”.

Eu soggu avvéru cumènt’è la fatta:
l’Anima isisthi… ma éu no l’aggiu più!
Lu voi sabé pa’ cosa?
Ti l’aggiu a di’, ma tèniru pai te…
Chi a poi… lu soggu chi so’ parauri a pèssu…
ma… la dì chi t’aggiu vistha
e candu m’hai abaiddaddu,
mussiggaddu d’amori
soggu cagiuddu a frundia.

In u’ mamentu mi z’è vuradda l’Anima
cuàdda in chissa rosa chi t’aggiu rigaraddu.
E v’è rimastha,
fin’a che lu tempu lu fiòri no ha firiddu
finendiru addaboi chèna piadai!
Zèrchu d’allora di falla turrà a casa
l’Anima méa, ma no ni vo’ l’intésa:
isciugliendi li so’ tre gramm’in lagrimi,
aisetta addaréddu a la to’ jianna.

L’Anima

C’è discussione riguardo all’Anima:
se esiste oppure no.
Convinti monsignori d’acqua santa
seguiti da scienziati e professori,
si perdono in un mare di parole.
Ci sono quelli che l’hanno già pesata:
“Tre grammi appena!”;
e altri, certi ch’è una favola:
“Quel peso è il sudore della morte!”.

Io so davvero come stan le cose:
l’Anima esiste… ma io non ce l’ho più!
Vuoi saperne il perché?
Te lo dirò, ma tienilo per te…
Che poi… lo so che son parole perse…
ma… il giorno che ti ho vista
e quando mi hai guardato,
lacerato d’amore
ho ceduto di schianto.

In un momento mi è volata l’Anima
nascosta nella rosa che ti ho regalato.
E là è rimasta,
finché il tempo non ha ferito il fiore
uccidendolo poi senza pietà!
Cerco d’allora di far tornare a casa
l’Anima mia, ma non ne vuol sapere:
sciogliendo i suoi tre grammi in lacrime,
aspetta dietro la tua porta.