La mégliu amigga méa

È da una vidda chi zi cuniscimmu…
sarani già tre anni, amigga méa.
Ma chi dòzzi macchìni ch’è pai me
lu mòndu di li fòri e di li canti,
chisthu mòndu di pupìa fattu di te!

“Nonno, vieni a giocare, nonno”

E sott’a l’aiburu biancu
di sirenu abriri
eu t’aggiuddu a piglià
li fiòri di cariasgia
chi vagani pa’ l’aria;
a l’inventu ti ricamu poi
raccònti e ammènti
chi no vibési mai.
Ma chi criaddura è la vécciaia méa!
Eu più no tèngu lu passu di lu mòndu
chi di te ancóra ancóra no s’avvèdi…
Puru li nósthri mènti so’ vaganti:
fuggi-fuggi la méa, la tóia c’arribi,
s’appèntani a drummì lu tèmpu méu,
chi sònnia e pa’ un mamèntu si ripòsa.

Abarà di finì la primabéra
di fòri e di curianduri di fiòri…
Mai sabarai
cantu d’abà m’accóra
lu fiuccà léviu
di tutti chisthi fiòri
chi s’assèntani oramai
i’ li còsi andaddi…
È da una vidda chi zi cuniscimmu
ulthima amigga méa,
méa mégliu amigga.

La mia migliore amica

È da una vita che ci conosciamo…
saranno già tre anni, amica mia.
Ma che dolce bizzarria è per me
il mondo delle favole e dei canti,
questo mondo di bambole, di te!

“Nonno, vieni a giocare, nonno”

E sotto l’albero bianco
di sereno aprile
t’aiuto ad afferrare
i fiori del ciliegio
che vagano per l’aria;
poi ti ricamo con la fantasia
ricordi e storie
che non vissi mai.
Ma che bambina è la vecchiaia mia!
Non reggo più il ritmo del mondo
che di te per adesso non s’accorge…
Anche le nostre menti sono vaganti:
la tua che arriva, la mia che fugge via,
invitano al sonno il tempo mio,
che sogna e per un attimo riposa.

Finire dovrà la primavera
di fiabe e di coriandoli di fiori…
Tu mai saprai
quanto di già m’accora
la lieve neve
di tutti questi fiori
che ormai s’adagiano
fra le cose del passato…
È da una vita che ci conosciamo
ultima amica mia,
migliore amica mia.