Torra ancóra Naddari

L’anima friddurósa solcha l’aria
poi lévia lévia s’aggira pa la casa.
È tempu di Naddari
e più no soggu canti n’aggiu fattu…
Tanti cun te, e so’ chissi
chi no póssu né soggu immintiggà,
tutti prizzisi eppuru assai divèssi:
sireni puru candu
buriadda la vidda era cun noi.
V’era attésa di féstha i’ li carréri,
marrócuri e sunetti;
aria d’avventu in casa,
li canti di Naddari, li rigari.
E lu presepiu no mancaba mai
i’ l’anguru più bugiu di la casa
acchì lu Piccinneddu ripuséssia
ancóra istrhaccu di lu so’ nascì.
Cantu impressa lu tempu z’è curaddu…
Torra ancóra Naddari siminèndi
bianca nebi di zagari in giardhinu…
Chi mari all’ócci mi fazi chisthu biancu!
Ma tu drommi sirena córi méu,
lu sonnu no fignì,
no fatti piglià da li rimpianti,
lassa l’ammènti a me
chi nienti aggiu di fa:
debu sóru asciuttà
li lagrimi di l’anima.

Torna ancora il Natale

L’anima infreddolita fende l’aria
poi lievemente si aggira per la casa.
È tempo di Natale
e non so più quanti ne ho trascorso…
Tanti con te, e son quelli
che non posso né so dimenticare,
tutti uguali eppure assai diversi:
sereni pure quando
era con noi la vita incollerita.
C’era attesa di festa per le strade
con trottole e organetti;
aria di avvento in casa
i canti di Natale ed i regali
Ed il presepio non mancava mai
nell’angolo più buio della casa
affinché riposasse il Bambinello
ancora stanco del suo venire al mondo.
Con quale fretta è scivolato il tempo…
Torna ancora il Natale seminando
neve bianca di zagare in giardino…
che male mi fa agli occhi questo bianco!
Ma tu dormi serena cuore mio,
non simulare il sonno,
non farti assalire dai rimpianti,
lascia i ricordi a me
che non ho niente da fare:
devo solo asciugare
le lacrime dell’anima.